ASSOUTENTI LIGURIA FA IL PUNTO SUGLI ABBONAMENTI FERROVIARI

FRA OGGI E DOMANI MILIONI DI ITALIANI ACQUISTERANNO ABBONAMENTI REGIONALI E SOVRAREGIONALI PER TRENI CHE NON ESISTONO
 
Trenitalia: una inciviltà tutta italiana al limite del raggiro commerciale
Domani è il primo dicembre… In questi giorni milioni di pendolari italiani stanno acquistando abbonamenti mensili o annuali per treni (i regionali, i regionali veloci e i suburbani) che ufficialmente per Trenitalia e per i suoi sistemi di vendita (Pico, Sipax, biglietterie umane e biglietterie automatiche, rivendite LIS, tabaccherie) non esistono.
Infatti ad oggi, ovvero a 15 giorni dal cambio orario, su detti sistemi di vendita sono esclusivamente caricati questi treni: Frecciarossa, Frecciargento, Frecciabianca, IC.
Nessun treno Regionale, Regionale Veloce e Suburbano è stato ancora caricato.
Ciò oltre ad essere scandaloso e indegno di una nazione civile rappresenta anche una pratica al limite del raggiro commerciale.
Come si possono mettere in vendita abbonamenti regionali e sovraregionali se l’acquirente non è messo a conoscenza dell’offerta di treni che dovrà utiizzare?
Noi segnaleremo questo fatto a tutte le sedi istituzionali deputate: magistratura, autorità per la concorrenza e il mercato e autorità dei trasporti e se solo un treno (in Molise, in Valle d’Aosta o in qualunque regione italiana) sarà cancellato rispetto all’offerta attuale o subirà cambiamenti di orario anche di un solo minuto rispetto ad oggi, provvederemo a denunciare le Regioni interessate e l’impresa ferroviaria e chiederemo un risarcimento per tutti i contrattori di abbonamento regionale o sovaregionale italiani pari a 10 abbonamenti per ciascun abbonato.
Come consumatori e come contribuenti ci siamo rotti le scatole di essere trattati da bestie e di essere costretti ad acquistare al buio abbonamenti per treni la cui esistenza è legata alle bizze di qualche assessore regionale ai trasporti o ai cambiamenti di traccia imposti da RFI.
Come difendere i propri interessi di consumatore
Alla luce del fatto che ad oggi 30 novembre 2014 ore 14.00 nessun treno Regionale, Regionale Veloce o Suburbano dell’orario che avrà avvio il 15 dicembre è caricato sui sistemi di vendita di Trenitalia, invitiamo tutti i pendolari che hanno acquistato o che stanno per acquistare un abbonamento regionale o sovraregionale per il mese di dicembre ad attuare questa semplice procedura:
SUBITO: stampare l’intera offerta di treni REGIONALI, SUBURBANI e REGIONALI VELOCI attualmente in esercizio sulla direttrice per il quale è stato stipulato l’abbonamento di dicembre 2014 (l’abbonamento è un qualsiasi contratto commerciale).
NEI PROSSIMI GIORNI:non appena disponibile sui siti Trenitalia l’offerta commerciale di treni REGIONALI, SUBURBANI e REGIONALI VELOCI dal 15 dicembre in poi sulla direttrice per il quale è stato stipulato l’abbonamento di dicembre 2014, confrontare tale offerta con quella in atto fino al 14 dicembre 2014 e evidenziare tutti i treni cancellati o ai quali è stata cambiata la traccia oraria (anche di un solo minuto).
INVIARE a newsletter@genovamilano.it o a info@assoutenti.liguria.it oppure a segreteria@assoutenti.it le due offerte commerciali (fino al 14 dicembre e dal 15 dicembre) per il quale avete contratto l’abbonamento con evidenziati gli eventuali cambiamenti. Con questa semplice procedura attueremo una imponente richiesta di risarcimento a livello nazionale.
I pendolari sono consumatori coscienti, non bestie.

NOTIZIE UTILI PER I CONSUMATORI

Anticontraffazione, 16 paesi euro-mediterranei firmano Carta di Roma

Scuola, la Corte di Giustizia Ue dà ragione ai precari

 

Slitta il canone Rai in bolletta

MDC invita alla FESTA DELL’ALBERTO e a una raccolta firme per l’AREA MERCATO CORSO SARDEGNA

Il Movimento Difesa del Cittadino MDC di Genova invita a partecipare alla FESTA DELL’ALBERO e appoggia la proposta di Legambiente per l’utilizzo dell’ex Mercato di C.so Sardegna organizzata dal CIRCOLO “NUOVA ECOLOGIA” DI LEGAMBIENTE sabato 22 novembre dalle ore 10,00 alle ore 12,00 in Corso Sardegna a Genova, di fronte all’ex Mercato Generale.

La manifestazione è finalizzata a chiedere all’Amministrazione Civica la RIPIANTUMAZIONE dell’area centrale di Corso Sardegna nel tratto compreso fra via Giacometti e la Chiesa di S. Fede, ripristinando la continuità delle alberature di corso Sardegna – corso Torino.

In tale occasione saranno inoltre raccolte le firme per il PROGETTO PARTECIPATO PER L’UTILIZZO DELL’AREA DELL’EX-MERCATO DI CORSO SARDEGNA che si

prefigge di mantenere intatta la struttura perimetrale e di creare al suo interno un’area verde ad uso ludico-sportivo.

Sarà inoltre possibile lasciare osservazioni o documentare foto/graficamente gli oggetti del nostro intervento (gli alberi, il viale immaginato, l’ex Mercato…) per una loro eventuale pubblicazione sul sito www.mappaparlante.it in fase di allestimento.

PROPOSTA di PROGETTO PARTECIPATO per L’UTILIZZO DELL’AREA DELL’EX MERCATO di CORSO SARDEGNA

In attesa della conclusione del contenzioso fra Rizzani de Eccher e Comune di Genova, che permetta la realizzazione di un nuovo e più ampio percorso partecipato di riprogettazione e riqualificazione dell’intera area in esame, la cui realizzazione comporterà impegni di spesa di tutt’altra entità rispetto a quelli previsti attualmente, si propongono, in questa 1^ Fase, alcuni limitati interventi (alternativi alla proposta di codesta Amministrazione e da realizzarsi con un equivalente esborso economico), aventi le seguenti finalità:

_ apertura dell’area all’uso pubblico;

_ riqualificazione (parziale) del sito;

_ realizzazione di un’ampia area verde come polo ludico aggregativo del quartiere.

Si sintetizza di seguito la linea programmatica dell’intervento da noi proposto:

1) Totale bonifica e smaltimento dell’amianto e delle intelaiature in ferro di sostegno delle coperture dei viali interni, rimozione delle erbacce ed arbusti, derattizzazione, pulizia dei detriti e dei materiali di scarto.

2) Messa in sicurezza della facciata lato corso Sardegna e rimozione dei ponteggi e delle impalcature.

3) Apertura dei cancelli di accesso nelle ore diurne, messa in sicurezza dei percorsi interni, da utilizzarsi esclusivamente ad uso pedonale e ciclabile (esclusi usi di servizio) e realizzazione di un adeguato impianto di illuminazione pubblica.

4) Mantenimento totale della struttura perimetrale, con specifico riferimento alla conservazione dei muri e degli edifici situati su via Carlo Varese, in quanto la loro demolizione non apporterebbe alcun vantaggio per la riqualificazione del quartiere e priverebbe la città di un edificio di valore storico-architettonico che deve essere conservato nella sua unitarietà e disegno generale.

La conservazione del perimetro consentirebbe inoltre la chiusura del complesso nelle ore notturne e la prevenzione del verificarsi di eventi calamitosi: preservando la pubblica sicurezza, riducendo il rischio di atti vandalici, mantenendo il decoro delle strutture e la pulizia generale.

5) Realizzazione di un ampio spazio verde, demolendo esclusivamente le sole due palazzine centrali, da utilizzare a fini ludico sportivi, aggregativi, turistici, culturali, espositivi, studio, relax, manifestazioni, mercatini ecc., dotato di connessione Wi-Fi gratuita, con rimozione dell’asfaltatura, realizzazione di superfici porose/permeabili e recupero dell’antica pavimentazione in pietra

esistente.

6) La cura ed il mantenimento del verde sarà garantito da un gruppo di volontari.

NOTIZIE UTILI PER I CONSUMATORI

Telelaser: multa illegittima se scontrino e verbale hanno orari diversi
Ritardo aereo: l’apertura dei portelloni determina l’orario di arrivo   Energia: Antitrust e Autorità energia firmano nuovo accordo per tutela
Eni: 25 euro di indennizzo a oltre 100mila clienti per disservizi bollette

MDC RICORDA LE SCADENZE PER LE RICHIESTE DI SOSTEGNO ECONOMICO PER GLI ALLUVIONATI

Il Movimento Difesa del Cittadino MDC di Genova ricorda che le segnalazioni, relative ai danni subiti dai cittadini privati e dai Condomini a seguito degli eventi alluvionali recenti, dovranno essere presentate con apposita modulistica entro e non oltre  il 10 novembre. Il  modulo da utilizzare è il “modello D”, scheda segnalazione danni soggetti privati e assimilati. Il modello deve essere corredato da documentazione fotografica attestante i danni lamentati (fotocopia del documento di identità, dati catastali immobile reperibili su atto notarile o visura catastale, codice fiscale o partita IVA). La modulistica idonea alle segnalazioni di cui sopra è reperibile sia sul sito della Regione Liguria che sul sitowww.alluvionati.com (sito appositamente predisposto dalle associazioni dei consumatori) nonché presso i Municipi, dove tutte le domande dovranno essere consegnate e protocollate. Il Movimento Difesa del Cittadino MDC rimane a disposizione per qualunque chiarimento e/o delucidazione in merito ed altresì per fornire assistenza nella compilazione della domanda qualora alcuni cittadini ritenessero di averne necessità.

 

MDC Genova e Liguria,  Via Caffa 3/5 sc. B – 16129 Genova – Tel/fax 010/3623036  –  genova@mdc.it

http://liguria.difesadelcittadino.it